Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Modigliani da scandalo:
dai primi nudi alla beffa di Livorno

C’è una domanda di fondo dalla quale occorre partire: perché periodicamente torniamo a parlare di Modigliani? Perché abbiamo bisogno di confrontarci continuamente con lui?
Di quale specie è questa sua capacità di attrazione, così potente, anche al netto della grande qualità di un’opera che non teme confronti nel ‘900 europeo? Si indaga dunque il fascino di questo grande, sfortunato artista, ripensando ai fatti e ai gesti più eclatanti della sua esistenza, alla purezza stilistica dei suoi nudi, agli scandali che, anche involontariamente, egli ha suscitato, girando attorno a un anno capitale, il 1917, per giungere alla cosiddetta beffa di Livorno (circostanza che chiama in causa l’importanza fondamentale della sua scultura) e a qualche risposta finale sul perché di un così estremo, e irresistibile, magnetismo.

Marco Di Capua, è nato a Napoli e vive a Roma. E’ docente di Storia dell’Arte Contemporanea e Fenomenologia dell’arte contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Napoli, istituzione di cui dirige la Pinacoteca e la Gipsoteca. E’ direttore della rivista “Zeusi. Linguaggi contemporanei di sempre”. Come critico d’arte ha scritto per “Il Giornale” di Montanelli, e collabora a “L’Unità” e a “Panorama”. E’ curatore di mostre di artisti contemporanei in gallerie e musei, tra le tante: Continuità dell’immagine (Mole Vanvitelliana, Ancona, 1998), Metropolitanscape. Pesaggi urbani nell’arte contemporanea (Palazzo Cavour, Torino, 2006). E’ stato Commissario della XIII Quadriennale d’Arte di Roma, Proiezioni 2000, e nel 2011 ha fatto parte del Comitato di studio per la 54. Biennale di Venezia, Lo stato dell’arte. Regioni d’Italia. Ha scritto numerosi saggi sull’opera, tra gli altri, di Edouard Manet, Edgar Degas, Paul Gauguin, Henri Matisse, Pierre Bonnard, Piet Mondrian, Edward Hopper, Andy Warhol, Alberto Burri (catalogo della Fondazione, Skira, 1999). Nel 2002 ha pubblicato la monografia Dalì, la vita e l’opera (Mondadori). Nel 2012 ha scritto In che sangue avanzare? (“Nuovi Argomenti”), narrazione sulla figura di Jackson Pollock.
Un suo libro, Lo sguardo occidentale, è in corso di pubblicazione per Galaad Edizioni.

Rassegna Modì

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi