Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Wolfsoniana
Musei di Nervi

via Serra Gropallo 4,
16167 Genova Nervi
orario invernale
(da novembre a marzo):
martedì-domenica 11-17;
lunedì chiuso
orario estivo
(da aprile a ottobre):
martedì-venerdì 11-18;
sabato e domenica 12-19;
lunedì chiuso
tel: 010 32313329

http://www.wolfsoniana.it

Scuola Romana

Duilio Cambellotti è una delle figure più interessanti nel panorama delle arti decorative italiane della prima metà del Novecento.
Caratterizzato da un approccio “artigianale”, con una spiccata predisposizione per l’integrazione delle arti, l’artista romano è stato pittore, scultore, illustratore, incisore, scenografo e costumista per il teatro e per il cinema.
Ha disegnato mobili, ceramiche, vetrate, medaglie, gioielli e ha progettato ambienti completi.

Le curiose e La notte, i suoi stipi eleganti e arcaici presentati alle Biennali internazionali di arti decorative di Monza rispettivamente nel 1923 e nel 1925, la Panca dei timoni e il Mobile dei falchi, la vetrata Stemma del Trecento e alcune ceramiche danno un’idea della qualità e della poliedricità della sua produzione.

Cambellotti aiuta a contestualizzare le opere di artisti che furono attivi nell’ambito romano negli anni Venti: da Vittorio Grassi a Melchiorre Melis, ad alcuni giovani che si dedicarono prevalentemente alla ceramica. L’Idolo del prisma (1925) di Ferruccio Ferrazzi è un riferimento emblematico alla ricerca pittorica dello stesso periodo.

Duilio Cambellotti, La Notte, 1925
Ferruccio Ferrazzi, Idolo del prisma, 1925

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi