Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Trent’anni di Spettacoli, Festival, Progetti di valorizzazione

Mostra nel Munizioniere
dal 4 al 15 agosto
ingresso libero

Attenzione: dal 6 agosto è richiesta la Certificazione verde Covid-19 per accedere alla mostra. Leggi di più


Trent’anni di spettacoli, festival, incontri, laboratori, seminari, valorizzazione dei beni monumentali tramite le tecniche dello spettacolo. Questa è Lunaria Teatro, compagnia di produzione di spettacoli che girano per la tutta l’Italia, ma soprattutto una forza vitale per il Centro Storico di Genova: con il suo Festival in Piazza San Matteo ha presentato alla città artisti internazionali – come Theodoros Terzopoulos, Alla Demidova, Sophia Hill, Tahar Ben Jelloun -, nazionali (da Giorgio Albertazzi, Anna Proclemer, Aldo Reggiani, Adriana Innocenti, Piero Nuti, Massimo Foschi, Paolo Graziosi, Elisabetta Pozzi, Enrico Mutti alle giovani compagnie di sperimentazione) e tante  produzioni a partire dagli spettacoli sui Doria e sui Fieschi. Ha collaborato con i grandi della cultura a Genova, da Umberto Albini, Vico Faggi, Aldo Trionfo (del quale cura l’Archivio), Cesare Viazzi, Margherita Rubino, ma senza dimenticare Vincenzo Consolo – alla cui opera Lunaria deve il nome – Dacia Maraini, Andrea Camilleri, Maurizio Maggiani, Claudio Magris e molti altri ancora. Ha scoperto e valorizzato tanti talenti, con i quali ha raccontato storie liguri dimenticate girando tutto il nostro territorio o piccole e grandi storie universali, grazie alla forza espressiva degli attori “genovesi” Sandro Palmieri, Fabrizio Matteini, Arianna Comes, Andrea Benfante, Paolo Drago, Vittorio Ristagno, Dario Manera, Aldo Vinci e molti altri, e poi ha affidato le storie dei grandi autori siciliani (Verga, Pirandello e gli altri già citati) ad attori quali Raffaella Azim, Pietro Montandon, Giovanni Costantino, Mariella Lo Giudice e Maurizio Gueli, affrontando sempre tematiche sensibili e i grandi problemi dell’oggi.

Lunaria Teatro è stata fondata dalla regista Daniela Ardini, dallo scenografo Giorgio Panni e dagli attori Maggiorino Porta e Mario Marchi. Tra i collaboratori artistici più importanti ricordiamo lo scenografo Giacomo Rigalza, anche curatore della mostra, Maria Angela Cerruti, l’autrice di molti dei costumi esposti, Anna Nicora, responsabile dei laboratori, e l’equipe tecnico-artistica composta da Luca Nasciuti, Stefano Gualtieri e Lorenzo Guella per luci, musiche e “panorami sonori”.