Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Uno spazio nero, profondo, linee ortogonali dorate che definiscono il recinto claustrofobico di una gabbia, un trono antico e, seduta in esso, la figura di un pontefice, immobile, ma urlante. L’opera risale al 1953 ed è una delle più forti e inquietanti invenzioni del pittore anglo-irlandese Francis Bacon. Non una semplice rivisitazione, né, tantomeno, una citazione, ma, al contrario, una complessa e tragica rimeditazione del capolavoro Ritratto di papa Innocenzo X dipinto nel 1650 dallo spagnolo Diego Velàzquez e conservato nella galleria Doria Pamphilij a Roma.
Bacon è stato uno dei più grandi artisti della seconda metà del Novecento, capace di lacerare l’oscurità con tagli di luce che rivelano, anche se per un solo istante, la brutalità, la violenza, la forza e la bellezza convulse della vita per trasformarle in una visione assoluta e, per ciò stesso, eterna.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi