Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Anno straordinario, intriso di irripetibili esperienze e foriero di nuove opportunità: il 2004 rappresenta per Genova un momento fondamentale, a un tempo traguardo e principio di un progetto destinato a sempre più ambiziose, future mete. Capitale Europea della Cultura, la città si è animata di mille iniziative, proponendosi quale punto di riferimento per infinite occasioni di incontro lungo un percorso fatto di eventi, mostre e manifestazioni.
A conclusione di questo anno, quasi a sua cornice, si pone *T-Shirt Record “L’Idea viaggia più grande”: un evento spettacolare ma anche un’occasione di riflessione e solidarietà.
Creare una maglietta di proporzioni inusitate (15×12 metri) e su questa dipingere un’immagine simbolo che racchiuda e rappresenti la realtà più intima e vera di Genova, un’iconografia rievocatrice della sua anima più antica e genuina, ma anche espressione di mille fermenti innovatori, crogiolo delle molteplici trasformazioni che percorrono il nostro tempo.
La maglietta record diventa così metafora di una città che cambia senza rinnegare le sue origini e le sue tradizioni: ma che in queste ricerca e trova la spinta rigeneratrice.
Città mediterranea fatta di mare e di vento, arroccata alle sue colline ma pronta a spiegare le vele verso nuovi orizzonti. Città orgogliosa delle sue tradizioni: ma anche aperta all’innovazione e non dimentica della solidarità, sempre pronta a sotenere chi ha bisogno di aiuto attraverso azioni che si concretizzano in un quotidiano impegno.
Così la *T-Shirt – realizzata grazie all’intervento del Gruppo Zena Srl, al patrocinio della pubblica amministrazione, alla collaborazione dei quotidiani Corriere Mercantile e Gazzetta del Lunedì, e all’impegno dei giovani studenti del Liceo Artistico Paul Klee di Genova – diventa anche occasione di un intervento di solidarietà a favore dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla – Sezione Provinciale di Genova, per aiutare e sostenere l’assistenza alle persone con sclerosi multipla.
Per una città che sulla propria storia vuole costruire il proprio domani e crede che, come dice il titolo dalla manifestazione, le idee non conoscano confini e possano veramente viaggiare “più grande”