Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Espressionismo ed espressionismi. Da Van Gogh e Munch alle avanguardie tedesche

A differenza di altre avanguardie, la definizione di “espressionismo” non indica un unico movimento o un singolo gruppo di artisti, quanto piuttosto una generale tendenza generale stilistica diffusa tra la fine del XIX e linizio del XX secolo nellEuropa centro-settentrionale, e che riguarda in modo particolare la pittura e lincisione nellarea culturale tedesca. L’espressionismo si propone come una reazione libera e creativa rispetto allarte ufficiale: die Brcke (“il ponte”), fondato a Dresda nel 1905, il primo gruppo organizzato di pittori espressionisti tedeschi; seguiranno altri movimenti in diverse città. I caratteri dell’espressionismo sono comuni a molti artisti: tratti grafici asciutti e taglienti, contorni nettamente definiti, figure spesso nude, paesaggi appena accennati eppure carichi di energia, sentimenti di disagio espressi in modo esplicito, nessuna decorazione inutile, colori innaturali. Pur trattandosi di un movimento davanguardia, lespressionismo ha una profonda radice storica nei pittori e negli incisori del Rinascimento tedesco, come Drer e Cranach, dei quali riprendono a volte temi e tecniche

rassegna: La rivoluzione dell’arte

Tags: La rivoluzione dell’arte

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi