Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Geografia del nanomondo

L’uomo moderno ha conquistato negli ultimi cinquant’anni la comprensione ed il controllo della materia vivente e inanimata su una scala molto piccola: la nanoscala. Comprendere o influenzare il comportamento della materia al miliardesimo di metro ha ripercussioni importanti sulla scala dell’uomo e oltre. Quali sono i segnali dal nanocosmo che l’Uomo 2.0 deve saper cogliere per capire cosa ha intorno e a quali nuovi orizzonti può tendere? A questa domanda tenteranno di rispondere lo scienziato Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, che apre il ciclo di incontri Geografie per l’Uomo 2.0

Rassegna: Geografie per l’Uomo 2.0