Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Genova l’architetto Renzo Piano ha presentato stamane il progetto di “technology village” di Genova.

Il nuovo villaggio, concepito come un insieme di “macchine gentili”, è stato emblematicamente battezzato con il nome “Leonardo”, il genio che ha coniugato arte, scienza e tecnologia. “Leonardo” intende essere una fabbrica di idee, di intelligenze, di nuovi saperi in grado di raccogliere l’esperienza, la vivacità, il dinamismo e la cultura dei centri urbani del nostro Rinascimento.

L’incarico per la progettazione architettonica e la direzione artistica dei lavori era stato affidato nei mesi scorsi a Renzo Piano da Genova High Tech S.p.A., società presieduta dal professor Carlo Castellano e costituita – nel marzo 2003 – da 34 imprenditori e managers, la maggior parte dei quali con importanti esperienze nei settori dell’Information e Comunication Technology.

“Leonardo” avrà sede sulla collina degli Erzelli, una spianata di oltre 400.000 mq., prossima all’aeroporto di Genova, per la quale Genova High Tech ha concordato opzioni di acquisto con i diversi proprietari dell’area stessa. Dei 350.000 mq. di superficie utilizzabile il 70% verrà destinato ad imprese, a laboratori di ricerca e formazione, mentre il 30% verrà coperto da attività complementari (residenze, servizi, cultura, strutture sportive ecc.). A “campus” dell’Università e della ricerca saranno destinati circa 50.000 mq. Nell’area potranno trovare sede 200-250 imprese e si stima, a regime, circa 10.000 addetti, di cui l’80% di nuova occupazione. Sono previsti 8 anni per la completa realizzazione del progetto.

“Questa nuova città villaggio – ha dichiarato il professor Carlo Castellano – è stata pensata e progettata come il luogo, lo strumento, l’utensile di lavoro per le imprese tecnologiche. Vorremmo fosse realizzato uno spazio dove si costruisca quella contiguità fisica e di cooperazione tra strutture universitarie, centri di ricerca ed imprese innovative, che già in altre parti del mondo ha dimostrato di essere il più efficace meccanismo di generazione di un solido sviluppo tecnologico ed imprenditoriale”. L’architetto Renzo Piano, nel presentare “Leonardo”, ha sottolineato che “l’attività di ricerca e di produzione nelle alte tecnologie richiede spazi adatti, flessibili e sinergici, che sono diversi da quelli convenzionali: sono da inventare. Ma, in una visione complessiva e umanistica della città, questo non può avvenire nel deserto degli affetti. È così che la fabbrica diventa città vissuta e che le due dimensioni , quella produttiva e quella umana, si completano a vicenda”.

Genova High Tech S.p.A. sottoporrà il progetto “Leonardo” agli Enti istituzionali per la definizione dei necessari profili autorizzativi e nelle prossime settimane sarà presentato alle banche di affari un piano finanziario ed economico del progetto, al fine di ricercare gli investitori interessati alla sua realizzazione. Se il progetto “Leonardo” arriverà alla sua realizzazione, rappresenterà per l’area metropolitana genovese e per la macro-regione in cui è inserito la più significativa opportunità di crescita e qualificazione economico-industriale.

Genova, 23 gennaio 2004

Per informazioni: tel. 010/6505350 e-mail:carlo.castellano@ghtspa.it