Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Il cavaliere più ricco e più colto:
Anton Giulio Brignole Sale
di Antoon van Dyck
 
21 giugno 2018, ore 21
Sala del Maggior Consiglio

Il ritratto equestre era, nell’Europa tra Quattro e Seicento un eccezionale emblema di status. Per retaggio dell’antichità classica, ovvero soprattutto dei modelli romani, era infatti pressoché riservato a capi di stato o grandi condottieri. Appena ventiduenne, Anton Giulio Brignole-Sale (1605-1662) non era né l’uno, né l’altro, ma vivendo in un regime repubblicano, dove non c’era un sovrano che se ne poteva adombrare, scelse questo tipo di effigie per far celebrare da Antoon van Dyck, uno dei più grandi ritrattisti della storia, le sue qualità sociali e intellettuali.

Piero Boccardo si è laureato in Storia dell’arte presso l’Università di Genova e ha poi perfezionato i suoi studi presso l’Università Autonoma di Madrid e il Musée du Louvre a Parigi, conseguendo in seguito anche il dottorato di ricerca presso l’Università di Milano.
In qualità di Direttore della Galleria di Palazzo Rosso, e dal 2005 dell’intero complesso dei Musei di Strada Nuova (Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi), ha organizzato mostre d’arte a Genova, e ha collaborato a diverse esposizioni in Italia e all’estero.
Ha inoltre pubblicato più di un centinaio di saggi sulla cultura artistica genovese tra XV e XVII secolo.

Rassegna Superba Bellezza, a cura di Piero Boccardo e Marco Carminati

Sponsor della rassegna

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi