Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

In collaborazione con
Goethe

Pier Paolo Portinaro

Importanti dibattiti storiografici hanno avuto come oggetto il tema del Sonderweg tedesco, mettendo in luce peculiarità (in senso positivo e negativo, anticipazioni e ritardi) della via intrapresa dalla nazione tedesca nel processo di modernizzazione. La questione ha continuato a caratterizzare la seconda metà del XX secolo, principalmente per due ragioni: 1) la Germania ha conosciuto un’esperienza eccezionale di elaborazione del passato (Vergangenheitsbewaeltigung) che ne ha fatto un modello (ineguagliabile) per tanti successivi esperimenti di transitional justice; 2) la Germania è stata un punto di riferimento per quanti hanno visto nel superamento delle identità nazionali e nel patriottismo costituzionale, come nuova forma d’integrazione politica, il traguardo della modernità.  Quale bilancio si può trarre oggi da tali esperienze?

Pier Paolo Portinaro insegna Filosofia politica presso l’Università di Torino ed è membro dell’Accademia delle Scienze di Torino. Fra le sue pubblicazioni più recenti Il labirinto delle istituzioni nella storia europea, il Mulino, Bologna 2007, Introduzione a Bobbio, Laterza, Roma-Bari 2008, Breviario di politica, Morcelliana, Brescia 2009, I conti con il passato. Vendetta, amnistia, giustizia, Feltrinelli, Milano 2011, La giustizia introvabile, Celid, Torino 2012.

rassegna: Germanica

Tags: Germanica