Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

La poesia, Giobbe, la Shoah
Per non dimenticare 2021
domenica 31 gennaio 2021, ore 17 canale Youtube di Palazzo Ducale


Perché ricominciare da Giobbe? si chiedeva Primo Levi.

Nella figura del «giusto oppresso dall’ingiustizia», la poesia che ha accettato, come suo destino ineludibile, la prova di dare voce all’esperienza indicibile della Shoah, ha riconosciuto la sua figura di elezione. Nelle dissonanti, elise, musiche del linguaggio, ferito, forzato, sfinito, per aprirsi ad accogliere testimonianza del male gratuito e inaccettabile, risuonano i differenti accenti dell’antica voce che aveva posto, nella sua domanda, «le domande di tutti i tempi, quelle a cui l’uomo non ha trovato risposta finora né la troverà mai, ma la cercherà sempre».

Per non dimenticare l’urgenza bruciante di questa interrogazione, la Fondazione Giorgio e Lilli Devoto e l’Associazione Musica&Cultura San Torpete, invitano all’ascolto del dialogo tra il Libro di Giobbe e alcune delle sue brucianti riletture novecentesche, da Paul Celan a Nelly Sachs, da Primo Levi a Yvan Goll, in contrappunto con la sua rappresentazione musicale secentesca nel toccante oratorio di Giacomo Carissimi.


Passi dal Libro di Giobbe

testi di Paul Celan, Yvan Goll, Primo Levi e Nelly Sachs

scelti e presentati da Caterina Fasce

letti da Roberto Tomaello e Irene Villa

Giacomo Carissimi Historia di Hiob

interpretato da Andrea Lanzola, Nicola Ferrari, Sofia Pezzi, Silva Trosti

a cura di Giorgio Devoto, don Paolo Farinella, Anna Laura Messeri


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi