Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Memoria identitaria tra conservazione e riuso
dal 20 gennaio al 17 febbraio 2021, canale Youtube di Palazzo Ducale


Il ciclo di incontri illustra una serie di buone pratiche che hanno portato alla conservazione e alla valorizzazione, per un riuso compatibile, di una serie di siti e edifici particolarmente significativi del nostro patrimonio industriale. A fronte di una prassi, purtroppo consolidata, che ha portato sovente, nei grandi progetti di trasformazione urbana di aree industriali dimesse, alla cancellazione della testimonianza storica, la rassegna intende far conoscere alcuni casi in cui la stretta collaborazione tra Enti e Associazioni ha portato alla conservazione della memoria identitaria dei luoghi. Le sinergie realizzate tra Università degli Studi di Genova, MIBACT, AIPAI, con il supporto di Fondazione Ansaldo e Ordine degli Ingegneri di Genova e la collaborazione di Regione Liguria e Confindustria Genova hanno permesso di conservare e valorizzare questi edifici. Sono state scelte tre strutture, differenti per localizzazione, destinazione, tipologia e caratteristiche costruttive, ma tutte particolarmente significative per la storia e la memoria del nostro patrimonio industriale e per il loro valore identitario: la Centrale termoelettrica del porto di Genova, l’Ansaldo e lo stabilimento Ferrania a Savona. 

Alla conservazione e valorizzazione della storia/memoria di queste strutture hanno concorso una serie di operazioni condotte con sinergie messe in campo da diversi Enti e Associazioni: Università degli Studi di Genova, MIBACT, AIPAI, con il supporto di Fondazione Ansaldo e Ordine degli Ingegneri di Genova e la collaborazione di Regione Liguria e Confindustria Genova


mercoledì 20 gennaio 2021, ore 17 | Genova e l’energia: la centrale termoelettrica del porto

Serena Bertolucci, Direttore Fondazione Palazzo Ducale

Edoardo Currà, La Sapienza, Presidente AIPAI 

Manuela Salvitti, Segretario Regionale MIBACT Liguria, Direttore ad interim Soprintendenza ABAP Genova e La Spezia

Giacomo Fui, Ingegnere 

Maria Pia Repetto, UNIGE, Presidente CS Edile-Architettura

Rebecca Muscarà, Ingegnere

Pietro Giribone, UNIGE, Vicedirettore DIME

Roberto Leone, Direttore Soprintendenza ABAP Imperia e Savona

Fabio Persichetti, Enel Produzione S.p.A

Roberto Venuti, già Dipendente Enel

modera e conclusioni Sara De Maestri, UNIGE, AIPAI 


mercoledì 3 febbraio 2021, ore 17 | Genova e l’Ansaldo: dalle fonderia di ghisa alle grandi artiglierie

Maurizio Michelini, Presidente Ordine Ingegneri di Genova 

Lorenzo Fiori, Direttore Fondazione Ansaldo 

Roberto Tolaini, UNIGE 

Sara De Maestri, UNIGE, AIPAI 

Giuseppe Zampini, Presidente Ansaldo Energia 

Stefano Sibilla, Vice Presidente Ordine Architetti PPC di Genova 

modera e conclusioni Massimo Preite, TICCIH, AIPAI 


mercoledì 17 febbraio 2021, ore 17 | Savona e la chimica: lo stabilimento di Ferrania

Sara De Maestri, UNIGE, AIPAI 

Carlo Sparzo, Ingegnere 

Gabriele Mina, Antropologo 

Lidia Giusto, Archivista e Ricercatrice

Andrea Canziani, Soprintendenza ABAP Imperia e Savona 

Francesco Legario, Amministratore unico Parco Tecnologico della Val Bormida 

modera e conclusioni Renato Covino, UNIPG, Past President AIPAI


A cura di Sara De Maestri
Il ciclo di incontri è promosso da AIPAI – Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale
con il patrocinio di Università di Genova – Soprintendenza ABAP Genova e La Spezia, Soprintendenza ABAP Imperia e Savona – Fondazione Ansaldo, Ordine Ingegneri Genova, Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Genova 

si ringrazia per la collaborazione Regione Liguria, Confindustria Genova , Camera di Commercio di Genova 


La partecipazione agli incontri sulla piattaforma formagenova.it rilascia CFP per architetti e ingegneri iscritti all’ordine

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi