Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

La guerra del sacro. Terrorismo, laicità e democrazia radicale

È una guerra – sostiene d’Arcais – contro la modernità illuminista e contro ciò che dalla modernità illuminista in poi è stato promesso: una democrazia coerente, radicale, di sovranità uguale per tutti. Il fondamentalismo islamico lancia la propria sfida globale contro questa modernità illuminista. È questa la radicalità dello scontro. Purtroppo, gli establishment occidentali non sono quelli che possono davvero combattere questa guerra, perché in larga misura e da molti punti di vista sono la “quinta colonna”, non rappresentano la civiltà nata dai lumi che diventa democrazia. Gli establishment occidentali sono, invece, coloro che la calpestano in continuazione e quindi non hanno credibilità e interesse per reggere questo scontro nei termini in cui si pone. Lo vogliono reggere solo come scontro geopolitico, di interessi nazionali. Ma è molto più di questo”.
 
 
Paolo Flores d’Arcais, filosofo e direttore di Micromega, nell’ambito del ciclo Religioni e intolleranza, interverrà a proposito dello scontro in atto tra l’Occidente e Daesh, il cosiddetto stato islamico.

L’incontro con Paolo Flores d’Arcais sostituisce l’intervento di Tahar Ben Jelloun L’Islam fa paura?