Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

In occasione di Quarto Pianeta 2015, Sabato 27 giugno, alle ore 21.00, presso la Sala del Minor consiglio di Palazzo Ducale, un appuntamento più unico che raro: Carla Cerati e Gianni Berengo Gardin insieme per parlare di “Morire di Classe”.

Gli autori del fondamentale libro-denuncia sugli istituti psichiatrici, voluto da Franco Basaglia e sua moglie Franca Ongaro, parleranno delle immagini storiche, dall’elevato impatto sociale che all’epoca contribuirono al consolidarsi di quel movimento di opinione che condusse, nel 1978, alla ormai famosa legge 180, meglio conosciuta come legge Basaglia.
Riproporre queste testimonianze è particolarmente importante sia per raccontare il passato a chi non lo ha vissuto, sia per riflettere su come la storia a volte, purtroppo, si ripeta anche se mutando volto e obiettivi.

A seguire, per gentile concessione dell’archivio Fuori Orario/Rai, verrà proiettato il documentario di Sergio Zavoli del 1968 I giardini di Abele, che raccontò, per la prima volta in assoluto, l’eccezionale esperienza terapeutica condotta dallo psichiatra Franco Basaglia nel manicomio di Gorizia a partire dal 1961. Altra testimonianza fondamentale, suscitò enorme scalpore contribuendo a rinforzare la base della nuova psichiatria.

Ducale Spazio Aperto ospita in questa occasione una mostra di venti fotografie tratte da “Morire di Classe”, libro fotografico di Carla Cerati e Gianni Berengo Gardin, ed.Contrasto.
L’evento è a cura di Fabrizio Boggiano. Partecipano Roberto Boccalon, psichiatra e Arteterapeuta, Ferrara e Luigi Maccioni, psichiatra, Genova.


Inaugurazione: sabato 27 giugno, ore 19.30.
Morire di classe
, Ducale Spazio Aperto
Dal 28 giugno al 5 luglio 2015
Orari: da martedì a domenica 15-19, ingresso libero

Tags: Morire di classeQuarto Pianeta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi