Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

La fuga dalla Francia
e la salvezza degli intellettuali
europei negli USA

13 dicembre 2016, ore 17.45
Paola Pellissetto

Varian Fry, un uomo giusto

Il 10 maggio 1940 il mondo democratico assiste sconvolto all’invasione della Francia da parte delle truppe naziste. La vittoria tedesca significava che tutti gli oppositori che erano giunti dai paesi dell’Europa occupata e che avevano trovato asilo in Francia, erano in pericolo. Venne fondato allora in America l’Emergency Rescue Committee con il compito di dare soccorso a tutti coloro che per ragioni politiche o razziali erano in pericolo di vita. Il problema più urgente era quello di ottenere i visti d’entrata negli Stati Uniti, con la dichiarazione di un cittadino americano che si assumesse la responsabilità per l’immigrato. Questo uomo fu Varian Fry.
Arrivato a Marsiglia nell’agosto del 1940, salvò dalla deportazione più di 2000 persone, tra esponenti della politica, ebrei, letterati e artisti in fuga, in quella che viene oggi considerata come l’operazione americana di salvataggio di maggior successo durante la Seconda Guerra Mondiale.
Nel 1941 Varian Fry e i suoi collaboratori furono espulsi dalla Francia con l’accusa di compromettere i rapporti tra gli USA e la Francia di Vichy.




20 dicembre 2016, ore 17.45
Flavia Cellerino

Peggy Guggenheim e gli artisti di Villa Air Bel

In attesa dei visti per raggiungere gli Stati Uniti, Villa Air Bel divenne la residenza rifugio di un gruppo famoso di scrittori, pittori e intellettuali.
Con la fuga dalla Francia occupata dall’esercito tedesco nel 1940 grazie a Varian Fry, oggi molti ritengono che una parte non trascurabile della cultura europea trovò rifugio negli Stati Uniti e che l’incontro con il mondo della cultura americana diede allora un grande contributo allo sviluppo della civiltà contemporanea.
Tra coloro che furono aiutati a fuggire da Varian Fry possiamo ricordare: Max Ernst, Golo E Heirich Mann, Alma Mahler, Alfred Doblin; Andrè Breton, Peggy Guggenheim, Marcel Duchamp, Claude Levi-Strauss, Hanna Arendt.