Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Le uniche notizie certe sul Cristo morto di Andrea Mantegna riguardano l’arrivo del dipinto nella Pinacoteca di Brera a Milano. Furono l’acume, la pazienza e l’impegno personale di Giuseppe Bossi, pittore e segreterio dell’Accademia Braidense, a permettere l’esportazione del dipinto dai confini dello Stato Pontificio. “Il tempo, che fa le repubbliche e gli imperi, farà viaggiare anche questo dipinto”, scriveva Bossi nel 1804. L’opera giunse a Milano tre anni dopo, ed entrò a far parte del patrimonio dell’Accademia di Brera nel 1824. Una vicenda fatta di attese, rinunce ed errate valutazioni, alla quale presero parte anche Antonio Canova e il potente cardinale Fesch, zio di Napoleone.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi