Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

11 – 25 maggio 2021, ore 18.30
Canale YouTube di Palazzo Ducale

“Chi parla male pensa male e vive male.
Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!”

Diceva un indignato Michele Apicella/Nanni Moretti in Palombella rossa nel 1989.
E sui muri della scuola di Barbiana di don Lorenzo Milani era scritto: “Un operaio conosce 100 parole, il padrone 1000. Per questo lui è il padrone”.

È ancora così? Le parole, oggi, sono ancora così importanti da definire il grado di sapere (e di potere) di chi le possiede? Non si direbbe, schiacciate come sono tra l’immediatezza di una trasmissione del pensiero e delle emozioni sempre più affidata all’immagine e un discorso verbale impoverito e svuotato, spesso ridotto al rango di pura comunicazione se non di slogan, incapace di dar conto e di penetrare la complessità, o di oscuro gergo settoriale, inaccessibile a chi non è membro della setta.

Questo ciclo si propone di indagare l’adeguatezza e la capacità di resilienza della parola nei diversi ambiti del sapere umano, di discutere della sua primazia nell’efficacia di penetrare e trasmettere il sapere. Di verificare, cioè, se le parole sono ancora così importanti.

A cura di Stefano Tettamanti – Grandi&Associati


Gli incontri in programma:

Chiara Valerio
martedì 11 Mag, 2021
18.30
martedì 11 maggio 2021, ore 18.30 – Chiara Valerio, Le parole della matematica
Antonio Forcellino
martedì 18 Mag, 2021
18.30
martedì 18 maggio, ore 18.30 Antonio Forcellino, Le parole dell’arte
Roberto Piumini
martedì 25 Mag, 2021
18.30
martedì 25 maggio 2021, Roberto Piumini e le parole in gioco

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi