Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Apertura lavori
Maria Fontana, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura
Loris Azhar Perotti, Ufficio Scolastico Regionale (MIUR)
Presentazione delle “proposte” di TreeLLLe
Attilio Oliva, Presidente TreeLLLe
Antonino Petrolino, Chairman Forum TreeLLLe


Interventi di
Luigi Berlinguer, già Ministro dell’Istruzione Pubblica
Giovanni Biondi, Presidente INDIRE (MIUR)
Alessandro Cavalli, Accademia dei Lincei
Ilaria Cavo, Assessore giovani /cultura (Regione Liguria)


Negli ultimi cinquant’anni una scuola “per pochi” è diventata una scuola “per tutti”. È cambiata così la scala dimensionale, è cambiata l’utenza ,ma la scuola non ha ripensato il suo modello organizzativo e le sue pratiche didattiche: ci sono eccellenze, ma troppo poche e non vanno a sistema. Le missioni della scuola per il XXI secolo non vanno forse aggiornate? Le nuove generazioni vanno solo “istruite” o anche “educate a vivere con gli altri” in una prospettiva di cittadinanza globale? I docenti, la risorsa chiave, sono ben formati, selezionati e motivati? Le risorse finanziarie mancano o sono male utilizzate? Oltre alla tradizionale didattica trasmissiva si praticano anche didattiche attive e interattive fondate sul coinvolgimento diretto dei discenti per rafforzarne la motivazione ad apprendere? E il tempo scuola? Come sottrarre i ragazzi al rischio di un tempo vuoto o all’azione spesso diseducativa di ambienti deprivati o di agenzie “pirata” (social networks, internet, videogiochi etc)? E come trovare il tempo e i modi per sperimentare il potenziale didattico delle nuove tecnologie muultimediali?


A cura di Associazione Treellle, in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale Liguria e Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.


La ricerca è stata sostenuta dalle Fondazioni Cariplo e Carilucca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi