Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Esperienze dalla Casa Circondariale
di Marassi in occasione della presentazione del libro
La maledizione del Castello
di Pasquale Nocera

In occasione della presentazione del libro intervengono:
Mirella Cannata, Presidente dell’Associazione Teatro Necessario
Franco Della Casa, professore di Diritto processuale penale presso l’Università degli Studi di Genova, referente di Ateneo per il Polo Universitario Penitenziario
Grazia Paletta, formatore di scrittura creativa
Giorgio Mosci, Il Canneto Editore
Maria Milano, Direttore della Casa Circondariale di Genova Marassi
 
Il Canneto Editore, oltre al romanzo di Pasquale Nocera, scritto durante la detenzione, ha pubblicato Dato il posto in cui ci troviamo (2013), una serie di racconti a cura di diversi detenuti, e Scatenati. Dieci anni di Teatro Necessario in carcere. (2016)

A metà strada tra realtà e fantasia, Pasquale Nocera intreccia sapientemente romanzo e diario autobiografico rifacendosi ad un evento accaduto nel 1970 nel celebre Castello di Palizzi (RC). Sotteso al racconto è il messaggio che “solo noi siamo i veri protagonisti delle nostre scelte” e che le uniche soluzioni possibili ai mali che divorano la nostra società siano il dialogo, il confronto e il rispetto per gli altri. Caratterizzato da temi forti come amicizia, violenza, amore e giustizia, il lungo racconto sembra lanciare al lettore un consiglio morale: sbaglia, se vuoi, ma impara dai tuoi sbagli.

Pasquale Nocera (Palizzi, 1961) sta finendo di scontare la propria condanna presso la Casa Circondariale di Genova Marassi e con coraggio ha deciso di dare testimonianza di vita vissuta attraverso la finzione letteraria, mettendo a disposizione la propria esperienza a beneficio degli altri. La maledizione del Castello è la sua seconda prova narrativa dopo Fotografia di una giustizia malata del 2013.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi