Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Il Corano riconosce la sessualità come un aspetto importante e significativo della vita umana, non solo nel contesto riproduttivo ma anche come forma di piacere all’interno di un legame lecito; e condanna l’incesto, l’adulterio, la fornicazione, la prostituzione, la promiscuità e l’omosessualità maschile.
La sessualità occupa un spazio importante nelle narrazioni coraniche che riprendono la tradizione biblica (come le vicende di Adamo ed Eva, Lot o Giuseppe) e anche nelle descrizioni del Paradiso. La riflessione islamica successiva, ivi compresi gli sviluppi in senso femminista, riprendono e a volte amplificano i contenuti del Libro sacro.