Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

presentazione del libro Le avventure della libertà

Nell’ambito delle iniziative per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre) La libertà ha camminato nei secoli prima di arrivare alle donne. Il libro racconta le pietre miliari di questo cammino, ma la necessità di scoprirlo viene dall’ultima tappa, la nostra, quella che ci smuove il cuore e l’intelligenza, quella che stiamo costruendo insieme. Il libro dà voce a noi.
Cristina Comencini

È una storia della libertà raccontata dalla nuova prospettiva che si è aperta con la fine della discriminazione delle donne . Comincia dalle origini greche dove i racconti mitici, la politica e filosofia di Platone ed Aristotele fissano in modo duraturo i confini e il significato della libertà escludendo sia coloro che lavorano sia le donne che procreano. In collaborazione con SNOQ Genova. Anche la concezione rivoluzionaria cristiana della libertà ribadisce, con gli argomenti di Paolo ed Agostino, queste esclusioni. La civiltà moderna giunge ad emancipare il lavoro e ne fa, con Locke e gli economisti classici, il fondamento della proprietà e della ricchezza e ,con Hegel, un momento della vita dello spirito. Ma la liberazione del lavoro cambia lo statuto della libertà che diventa fondamentalmente difesa e sviluppo della sfera privata e dell’autonomia individuale. Oggi la libertà è sottoposta a nuove tensioni e nuove domande per l’ingresso delle donne nella sua sfera. E da Simone de Beauvoir a Luce Irigaray , da Luisa Muraro a Judith Butler si delineano differenti risposte.

Francesca Izzo ha insegnato Storia del pensiero e Filosofia della politica all’Università di Napoli “l’orientale”. Tra le pubblicazioni Forme della modernità. Antropologia, olistica e teologia in Thomas Hobbes(Laterza 2005, Mondadori 2008); per Carocci è autrice anche di Democrazia e cosmopolitismo in Antonio Gramsci(2009). Attualmente è membro della Fondazione Istituto Gramsci ed è una delle fondatrici del movimento Se non ora quando e poi di Se non ora quando–Libere. E’ stata deputata nelle fila del partito Pds/Ds nella legislatura 1996/2001. L’attività di ricerca si svolge intorno al pensiero filosofico e politico del Seicento e del Novecento, e ha scritto saggi e interventi di teoria femminista.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi