Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Occidenti contro. Realtà e finzioni di un’idea geopolitica nell’Europa virata

Dal 16 al 18 ottobre 2020


 Occidente è parola chiave della geopolitica. Spartiacque identitario dalla potente forza evocativa, legato a un’idea di civiltà dalle antiche radici, oggi interpretato e usato in diversi modi dalle maggiori potenze. In particolare dagli Stati Uniti, che se ne intestarono la guida durante la guerra fredda in contrapposizione all’Oriente “rosso” sovietico e/o cinese.

Come sta mutando l’idea regolativa di Occidente nel turbine creato dall’emergenza coronavirus che ciascuno cerca di virare a proprio vantaggio?
Ha ancora senso oggi parlare di Occidente, al singolare? Gli americani ci credono ancora, ed eventualmente come riconfigurano l’identità occidentale nel mondo d’oggi?
In che modo e misura noi italiani siamo occidentali? Che cosa resta della partizione fra europei occidentali e orientali, nel continente ridisegnato dal possibile ritorno della Germania nella storia? Come ci rapportiamo oggi alle potenze non o anti-occidentali, quali Russia, Cina, Turchia, e come queste vedono l’Occidente?

Tre giorni di riflessioni per rispondere a interrogativi che definiscono il nostro presente. E concorrono a delineare il nostro futuro.


Gli incontri giorno per giorno

venerdì 16 ottobre 2020
venerdì 16 Ott, 2020
10.00
Scopri il programma di venerdì 16 ottobre
sabato 17 ottobre 2020
sabato 17 Ott, 2020
10.00
Scopri il programma di sabato 17 ottobre
domenica 18 ottobre 2020
domenica 18 Ott, 2020
10.00
Scopri il programma di domenica 18 ottobre


Gli incontri del Festival si svolgono contemporaneamente in presenza e in streaming su limesonline.
In ottemperanza alle misure di contenimento del Covid-19 l’accesso alle sale sarà consentito unicamente previa prenotazione, compilando l’apposito modulo online.

La mostra

Occidentalismi. Le faglie del mondo transatlantico
mostra cartografica a cura di Laura Canali

La sfida tra Stati Uniti e Cina sta destabilizzando lo spazio euroatlantico. Le certezze della guerra fredda, che tenevano insieme l’area Nato, sono evaporate o rimesse in discussione. Oggi, molte tensioni dello scontro tra Cina e Usa si scaricano sui paesi europei. La crisi d’identità che investe gli Stati Uniti contribuisce al disordine nelle relazioni fra le due sponde dell’Atlantico. La frammentazione dello spazio europeo, che visto dagli Usa è sempre più segnato dalla partizione fra “Vecchia” e “Nuova” Europa, rende più ardua la ricomposizione delle fratture in atto. In questo contesto, anche la posizione dell’Italia è più incerta, come dimostrano l’apertura alle nuove vie della seta promosse dalla Cina e la conseguente reazione americana.  

La mostra cartografica di Limes, attraverso 12 mappe in grande formato e una mappa murale, cercherà di mettere in evidenza le linee di faglia nello spazio euroatlantico, la loro profondità e il posizionamento dei vari Stati (e parti di essi) per meglio comprendere la direzione di questo deragliamento geopolitico.

visite guidate a cura di Laura Canali

  • sabato 17 ottobre, ore 11.15 (clicca qui per prenotare) e 16.45 (clicca qui per prenotare)
  • domenica 18 ottobre, ore 11.15 (clicca qui per prenotare) e 17.15 (clicca qui per prenotare)

Emergenza Covid-19, regole di comportamento a Palazzo Ducale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi