Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Genova Capitale Europea della Cultura veicola il suo messaggio nel mondo sportivo grazie all’appoggio delle squadre di calcio cittadine.
Genova 2004 ha voluto interpretare il termine cultura in senso ampio, tale cioè da comprendere tutti i valori su cui si fonda la vita di una comunità e in quest’ottica sostiene e incoraggia lo sport.
Questa visione del binomio sport e cultura è pienamente condivisa da l’U.C. Sampdoria, che ha risposto con entusiasmo all’invito di Genova 2004 ad essere ambasciatrice nel mondo del calcio e dello sport per l’Anno della Capitale Europea della Cultura.
L’accordo fra le due società si concretizza principalmente con la diffusione, attraverso l’attività della Sampdoria, delle informazioni inerenti il programma di Genova 2004 Capitale Europea della Cultura e la partecipazione dei dirigenti e dell’entourage delle squadre ospiti agli eventi e alle manifestazioni.
Nell’ambito dell’accordo tra Genova 2004 e l’U.C. Sampdoria è stata segnalata, per ogni partita giocata in casa dalla Sampdoria, un’offerta di mostre, spettacoli e iniziative in programma nelle giornate che la squadra ospite trascorrerà a Genova. Sono in preparazione singole iniziative pensate ad hoc per le diverse squadre.
Il precedente determinante è stato il simbolico omaggio delle bandiere Ge nova 04 da parte dei capitani di Genoa e Sampdoria ai capitani delle rispettive squadre avversarie, Como e Juventus, il 6 e l’11 gennaio scorsi, in occasione della prima partita giocata nel 2004 allo stadio L. Ferraris di Marassi dalle due squadre di calcio cittadine.
In uniformità con la decisione dell’Unione Europea di intitolare l’anno 2004 all’educazione attraverso lo sport, e poiché lo sport assume una rilevanza notevole per la promozione e l’immagine di una città, la programmazione di Genova Capitale Europea della Cultura prevede una vasta gamma di appuntamenti dedicati a diverse discipline atletiche e ludiche, manifestazioni sportive che spaziano dall’amatorialità all’agonismo, strane e divertenti oppure legate al sociale con il coinvolgimento di atleti disabili.