Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

L’arca quattrocentesca del Battista:
una cattedrale d’oro e d’argento
 
giovedì 9 maggio 2019, ore 21
Sala del Maggior Consiglio

Uno dei monumenti più insigni dell’arte del XV secolo in Europa è l’arca processionale in argento dorato per le reliquie di san Giovanni Battista della Cattedrale di Genova. E’ una macro-oreficeria concepita come una micro-cattedrale tardo-gotica, con guglie, pinnacoli, statuette e scene che narrano la vita e il martirio del Patrono cittadino. Volle realizzarla nel 1433 Filippo Maria Visconti, Duca di Milano e Signore di Genova, la decretò il Senato, la firmò e datò 1438 Teramo Danieli, genovese, ma il merito di averla compiuta tocca a un altro maestro, Simone Caldera, di Andora, a capo di una équipe di eccellenti collaboratori, il primo dei quali, Beltramino de’ Zuttis, era l’orafo più celebre della Milano viscontea. Caldera, che riuscì a realizzare un’opera così complessa, è un artista straordinario, colto e cosmopolita, aggiornato sulle novità fiorentine, parigine e borgognone, conscio e orgoglioso del proprio valore, determinato nel pretenderne la giusta rimunerazione.

Rassegna Superba bellezza, le meraviglie artistiche di Genova, a cura di Piero Boccardo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi