Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Il Vangelo secondo Donatello:
i pulpiti della basilica di San Lorenzo
a Firenze
 
22 febbraio 2018, ore 21
Sala del Maggior Consiglio

Nel 1465 Donatello ha settant’anni, età venerabile per gli standard dell’epoca. La vista è fortemente declinata e soffre di artrosi alle mani: non si possono immaginare handicap peggiori per chi, come lui, fa di mestiere lo scultore.
Su commissione di Cosimo de’ Medici, ricco banchiere e figura egemone della politica fiorentina, Donatello torna a lavorare nella Sagrestia progettata da Filippo Brunelleschi, per la quale aveva già realizzato le porte in bronzo, raffiguranti i Martiri e gli Apostoli della Chiesa.
E’ questo il momento, testimoniato dalle fonti dell’epoca, dello scontro fra Donatello e Brunelleschi: di fatto entrano in collisione, nella Sagrestia Vecchia di San Lorenzo, due idee dell’arte. Quella nitida, razionale, dell’architettura brunelleschiana e quella espressionistica, anticlassica, della scultura donatelliana.
I pulpiti realizzati da Donatello raccontano l’uno la Passione e Morte di Gesù, l’altro la Resurrezione, la discesa al Limbo e la Pentecoste: è un vero e proprio Vangelo interpretato e raccontato da Donatello negli anni senili, all’opera con i suoi collaboratori, uno dei vertici in assoluto più alti fra quelli mai raggiungi dall’arte sacra di tutti i secoli.

Rassegna I Capolavori raccontati, a cura di Marco Carminati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi