Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

L’avventura delle avanguardie e la rivoluzione del cubismo di Picasso

Il primo decennio del Novecento vede un’Europa in grande fermento dal punto di vista culturale e artistico. È il momento in cui nascono le avanguardie, fenomeni di varia natura disseminate in diverse città, che segnano il passaggio definitivo dall’arte antica all’arte moderna.
Parigi è capitale indiscussa del rinnovamento, vera e propria fucina di idee artistiche anticonvenzionali e talvolta improntate su un messaggio di forte provocazione nei confronti dell’establishment artistico rappresentato dall’Accademia e dai Salons.
In un piccolo atelier di Montmartre, il giovane pittore catalano Pablo Picasso, disegna e dipinge come un forsennato. Ha ventisei anni.
Nel 1907 vede la luce lì, nel cuore bohémien della Ville Lumière la grande tela con Les Demoiselles d’Avignon, il quadro che sancisce la nascita del Cubismo, e, con esso, la svolta decisiva  e radicale con cui ha avvio l’arte moderna.

rassegna: La rivoluzione dell’arte

Tags: La rivoluzione dell’arte