Salta al contenuto

Fondazione Palazzo Ducale Genova

Alessandro Rosina

La condizione giovanile in Italia

giovedì 6 febbraio 2020
ore 17.45
Sala del Maggior Consiglio

Un identikit degli under 35 italiani tra luci e ombre quello che offre il  volume “La condizione giovanile in Italia, Rapporto Giovani 2019”  curato dall’Istituto Toniolo con il sostegno di Fondazione Cariplo e Intesa Sanpaolo e pubblicato per le edizioni “Il Mulino”.

«La chiave di lettura di questa edizione del Rapporto Giovani – spiega Alessandro Rosina, coordinatore scientifico dell’indagine sui millennials condotta dal Toniolo – è quella del presente, che può essere considerato come tempo di attesa inoperosa che qualcosa accada nella propria vita, come tempo di piacere, svago e interazione con gli altri, come tempo di scelte che impegnano positivamente verso il futuro personale e collettivo. Sono soprattutto tali scelte a risultare deboli oggi nei percorsi di vita di troppi giovani italiani».

Fra i temi centrali, l’uscita precoce di molti giovani dal sistema formativo, con particolare interesse per l’impatto sul lavoro e sulla partecipazione sociale. L’analisi del Rapporto fa emergere i fattori predittivi dell’entrata e della permanenza nella condizione di Neet e, soprattutto, conferma che scivolano in tale condizione i giovani con basse credenziali formative e che vivono in contesti poveri di opportunità. Nella transizione alla vita adulta è rilevante la conquista di una propria autonomia abitativa dai genitori: l’indagine mette in luce i significati assegnati oggi dai giovani a tale scelta.

Sul tema della legalità i giovani del Rapporto sembrano attribuire molta importanza alle leggi come strumenti di regolazione sociale e di garanzia delle libertà personali, allo stesso tempo avvertono un alto grado di illegalità diffusa. Molte le iniziative in campo per la presentazione del nuovo Rapporto, fra cui l’evento che si è svolto a Matera dal titolo “Progettiamo il futuro”, e il convegno “La Lombardia è dei giovani. Percorsi e riflessioni sulle politiche giovanili per la costruzione di una legge regionale”, organizzato da Regione Lombardia, che ha dedicato un focus particolare ai giovani lombardi.


Alessandro Rosinaè professore ordinario di Demografia e Statistica sociale nella Facoltà di Economia dell’Università Cattolica di Milano, dove dirige il “Dipartimento di Scienze statistiche” e il “Center for Applied Statistics in Business and Economics”.  Ha svolto il ruolo di esperto in Commissioni ministeriali, Tavoli di lavoro Istat e Programmi della Commissione europea. E’ attualmente presidente dell’associazione InnovarexIncludere, membro della redazione di ItalianiEuropei e di Neodemos. E’ coordinatore scientifico del “Rapporto giovani” dell’Istituto Toniolo. Scrive per “Repubblica”, “Il Sole 24 ore” e altre testate nazionali. Il suo ultimo libro è: “Il futuro non invecchia” (Vita e Pensiero, 2018).

Rassegna Idee e libri, parole per la città realizzata in collaborazione con il Centro Studi Antonio Balletto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi